Visitare una città è sempre un’avventura  avvincente anche se in quel posto ci siamo stati già altre volte, quando poi torniamo in un luogo insieme ad un amico che ci spiega i luoghi, la cultura, l’umanità dei gesti allora l’assaporiamo e possiamo dire di aver conosciuto quella città. Così è Napoli, ai più nota e stranota nelle sue vie del passeggio e dello shopping, ma chi può dire di conoscere i suoi anfratti, gli angoli remoti e segreti che passano dall’enorme squallore alla sconfinata bellezza?

Vi accompagno in questo viaggio, io che per prima spesso mi vesto da turista nella mia città, alla epifania della bellezza, attraversando i luoghi con un’immersione nella storia…

alessandra c

Scendiamo nelle viscere della città percorrendo un antico cardo greco-romano visitando le antiche botteghe che prospettano su di esso, dal panificio alla tintoria, per passare dall’ufficio dell’erario, uno sportello bancario ante-litteram; giungendo, alla fine della strada, ai banchi del mercato alimentare.

n.1 Cardine San Lorenzo

Vicolo sotterraneo: antico Macellum di Napoli

Riemergiamo dal sottosuolo per proseguire nella visita della città passando dalla Chiesa del Purgatorio – detta d’ e capuzzell’, il Campanile di Pietrasanta che contiene testimonianze di antichi altari e fondato su una pietra miracolosa, per giungere poi al sepolcro del Cardinal Brancaccio, opera di Donatello e unica testimonianza dell’artista in città; le arche famose dei notabili di Napoli; con due puntate finali nella Chiesa cappella funebre degli Angioini, il cui chiostro è famoso in tutto il mondo “Munasterio e Santa Chiara….”, per giungere dinnanzi alla Deposizione di Cristo di Mazzoni: un impressionante rappresentazione in terracotta composta da 8 statue quasi a dimensione naturale che rappresentano il momento della deposizione dalla croce del Cristo, un’opera intensa e vibrante.

Compianto_sul_Cristo_morto_-_Capela_Orilia_-_Sant'Anna_dei_Lombardi_-_Naples_-_Italy_2015

Il compianto sul Cristo morto Mazzoni. Chiesa S. Anna dei Lombardi

Il secondo giorno è interamente dedicato alla Valle della Sanità, chi non ha visto il film di Eduardo De Filippo nel ruolo del sindaco dell’omonimo quarterie? Questa periferia nel centro di Napoli per anni centro di malcostume e malaffare, sta risorgendo grazie alla tenacia di un sacerdote, dalla volontà di riscatto di un gruppo di giovani e soprattutto dallo straordinario patrimonio culturale che ancora conserva: tombe ellenistiche; catacombe cristiane; il Cimitero delle Fontanelle un unicum nel suo genere,

cimitero fontanelle

Cimitero delle Fontanelle

e poi palazzi nobiliari e chiese barocche! Tutto questo a pochi metri dal centro. Lo visitiamo insieme alle giovani e competenti guide della cooperativa la Paranza! La valle un tempo utilizzata come cimitero, poi come luogo di villeggiatura per la salubrità della sua aria ritorna oggi a vivere!

n. 7 catacombe di san Gaudioso

Catacombe di San Gaudioso – “Memento Mori”

Scopri il programma di viaggio che ti porta alla conoscenza della straordinaria capitale del Sud “Accumpagnat vic vic”: Napoli!